lunedì 21 marzo 2016

Un albero cresce a Brooklyn di Betty Smith.




Titolo: Un albero cresce a Brooklyn (A Tree Grows in Brooklyn)

Autrice: Betty Smith, pseudonimo di Sophina Elisabeth Werner , nasce nel 1896 a Brooklyn da genitori figli di immigrati tedeschi. Scrittrice soprattutto di teatro, nel 1943 pubblica Un albero cresce a Brooklyn, cui seguiranno Domani andrà meglio (Tomorrow Will be Better) nel 1947, Maggie di Brooklyn (Maggie-Now ) nel 1958 e Al mattino viene la gioia (Joy in the Morning) nel 1963. Muore nel 1972. 
Tutti i suoi romanzi sono editi in Italia, anche se l'unico ancora in commercio (grazie a una nuova edizione ritradotta dalla casa editrice Neri Pozza) è appunto Un albero cresce a Brooklyn. Ma se frequentate librerie dell'usato non è difficile trovare altre sue opere, edite negli anni sessanta/settanta da Mondadori e Club degli editori -Milano.




Trama fornita dalla casa editrice: È l’estate del 1912 a Brooklyn. I raggi obliqui del sole illuminano il cortile della casa dove abita Francie Nolan, riscaldano la vecchia palizzata consunta e le chiome dell’albero che, come grandi ombrelli verdi, riparano la dimora dei Nolan. Alcuni a Brooklyn lo chiamano l’Albero del Paradiso perché è l’unica pianta che germogli sul cemento e cresca rigoglioso nei quartieri popolari. Quando nuovi stranieri poveri arrivano a Brooklyn e, in un cortile di vecchie e tranquille case di pietra rossa, i materassi di piume fanno la loro comparsa sui davanzali delle finestre, si può essere certi che lì, dal cemento, sbucherà prima o poi un Albero del Paradiso. Francie, seduta sulla scala antincendio, lo guarda contenta, poiché oggi è sabato, ed è un bel giorno a Brooklyn. Il sabato gli uomini ricevono la paga e possono andare a bere e azzuffarsi in santa pace. Il sabato lei, bambina irlandese di undici anni, come tutti i bambini del suo quartiere, fa un salto dallo straccivendolo. Insieme a suo fratello Neeley, Francie raccoglie pezzi di stagnola che si trovano nei pacchetti di sigarette e nelle gomme da masticare, stracci, carta, pezzi di metallo e li vende in cambio di qualche cent.  Coi suoi coetanei con i calzoni lunghi e i berretti con la visiera, le mani in tasca, le spalle curve, i capelli così corti da lasciare scoperto il cuoio capelluto, Francie se ne andrà tra un po’ a zonzo per Brooklyn. Attraverserà prima Manhattan Avenue, e poi Johnson Avenue, dove si sono stabiliti gli italiani, e infine il quartiere ebraico fino a Broadway, dove guarderà eccitata i piccoli carretti che riempiono la strada, gli uomini barbuti con gli zucchetti di alpaca, i vestiti orientali dai colori vivaci posti ad asciugare sulle scale antincendio e i bambini seminudi che giocano in mezzo ai rigagnoli. Poi tornerà a casa, dove forse troverà sua madre, rientrata dal lavoro. Lungo il tragitto forse qualcuno le ricorderà che è un peccato che una donna così graziosa come sua madre, ventinove anni, capelli neri e occhi scuri, debba lavare i pavimenti per mantenere lei e gli altri piccoli Nolan. Qualcun altro magari le parlerà di Johnny, suo padre, il ragazzo più bello e più attaccato alla bottiglia del vicinato, qualcuno infine le sussurrerà mezze parole sull’allegro comportamento di sua zia Sissy con gli uomini.  Francie ascolterà e ogni parola sarà per lei una pugnalata al cuore, ma troverà, come sempre, la forza per reagire, poiché lei è una bambina destinata a diventare una donna sensibile e vera, forte come l’albero che, stretto fra il cemento di Brooklyn, alza rami sempre più alti al cielo. Nominato dalla New York Public Library come uno dei grandi libri del secolo appena trascorso, Un albero cresce a Brooklyn è una magnifica storia di miseria e riscatto, di sofferenza ed emancipazione di bruciante attualità.



Commento di Yue: Questo romanzo mi ha fatto compagnia per due settimane, ed anche se non parlo spesso di libri qui sul blog, beh, Un albero cresce a Brooklyn due paroline se le merita.
Tanto per cominciare è stato scritto 73 anni fa, ma nonostante l'età possiede quello smalto resistentissimo tipico dei grandi romanzi americani degli anni 40/50 , che a distanza di più di mezzo secolo continuano a "graffiare" ed emozionare generazioni e generazioni di lettori e lettrici. 

Costruito in gran parte su basi autobiografiche , Un albero cresce a Brooklyn rientra a pieno nel genere 'romanzo di formazione', con un' eroina -Francie- che all'inizio del libro è una bambina poverissima di undici anni e alla fine una giovane donna di 17, con le idee molto chiare per il futuro. Ma è anche e soprattutto la storia della famiglia Nolan, e dei numerosi personaggi (quasi tutti immigrati e molto poveri) che gravitano nella Brooklyn di inizio secolo, città tanto cara (e di conseguenza splendidamente rievocata) all'autrice. 

Se dovessi descrivere la storia di questa famiglia con una sola frase, sceglierei "Una lotta continua". Una lotta per non morire letteralmente di fame , e per preservare la dignità di esseri umani anche in condizioni quasi disperate . Ma sopratutto per le due grandi figure femminili di questo romanzo ovvero quella di Francie e sua madre Katie, la vera e unica lotta è quella di non arrendersi alla povertà, e di combatterla grazie ad un istruzione. 
Che pesantezza, direte voi. Descritto così sembra quasi uno di quei tristissimi romanzi veristi che ci facevano leggere alle superiori... ma in realtà non è così. 

Lo stile di Betty Smith e infatti molto acuto e ironico, e nonostante tutti i patimenti il mondo visto attraverso gli occhi di Francie (perché il punto di vista della narrazione è quasi sempre il suo) non risulta mai patetico e lamentoso, ma anzi, sono i piccoli momenti di felicità, le piccole conquiste ad aver risalto sul resto . E non mancano gli episodi divertenti, anzi, sono moltissimi, e certe vicende mi hanno fatto veramente ridere di gusto, come ad esempio quando il padre porta la protagonista, il fratello ed una piccola vicina in gita in barca : tutto va storto ed il ritorno a casa è talmente buffo e grottesco che pare uscito da un romanzo di Charles Dickens! Ed in effetti , i personaggi "dickensiani" non mancano mica in questo romanzo! Due esempi per tutti: lo zio Willie, in perenne lotta con il bizzoso cavallo del suo carretto del latte, e le poverissime signorine Tynmore, che si salvano dal morire letteralmente di fame grazie ai te e pasticcini offerti dalle loro allieve di pianoforte e canto. 

Sia chiaro: Francie non è la tipica protagonista sempre e comunque positiva che ammorba un sacco di romanzi per ragazzi e non, ed ha ben più di un momento di sconforto. E' una sognatrice, e ce la mette tutta per vivere al meglio, ma non è perfetta. Sua madre Katie invece, è una donna forte e soprattutto "pratica": è lei che , ammazzandosi di lavoro, porta avanti la famiglia, ma come Francie non è perfetta, e si rende ben conto di non essere equa nell'amore e nelle attenzioni per i propri figli. Altro personaggio memorabile è sicuramente Johnny,  il padre famiglia bello e dannato, perennemente ubriaco e senza lavoro ma sempre allegro e affettuoso con la sua famiglia (e soprattutto con la prediletta Francie, che chiama Prima Donna). Lo ammetto, i momenti dedicati al rapporto fra Francie e Johnny sono i miei preferiti, anche se quest'ultimo è davvero l'unico personaggio "tragico" e quasi poetico del romanzo (oserei dire Steinbeckiano) , che per certi versi stona con la concretezza degli altri. Sono molti altri i personaggi degni di nota (dalla smaliziata zia Sissy fino a nonna Rommely), ma non voglio svelarli tutti, quindi li scoprirete leggendo.

Per concludere: questo Un albero cresce a Brooklyn è davvero uno splendido romanzo, che ha qualcosa da dire anche settant'anni dopo la sua pubblicazione .
Bisogna avere un cuore di pietra per non affezionarsi a Francie - che seguiamo dai suoi primi passi nel mondo fino ai suoi primi amori importanti- e la Brooklyn di inizio secolo è descritta dall'autrice in modo talmente vivido ed evocativo che sembra davvero di stare in mezzo a quei palazzi fatiscenti , a lottare insieme ai protagonisti.   

Betty Smith è davvero un'autrice da riscoprire, e secondo me ha influenzato più di una fra le scrittrici americane contemporanee (volete un nome? Elizabeth Strout). 

Consigliatissimo!

Mio Dio, concedimi di essere qualcosa in ogni istante di ogni ora della mia vita. Fammi essere felice o triste; fa che io abbia caldo o freddo; che abbia poco o troppo da mangiare; che sia vestita elegantemente o con degli stracci, affidabile o bugiarda, degna di stima o peccatrice. Ma concedimi di essere sempre qualcosa in ogni istante. E concedimi pure di sognare quando dormo, in modo che non vi sia un solo momento della mia vita che vada perduto. 

Curiosità: Da questo libro è stato tratto un film diretto dal grande Elia Kazan. Non l'ho ancora visto, ma conto di farlo al più presto! 



Curiosità 2: L'albero del titolo , che riesce a crescere nelle condizioni più impervie e che diventa emblema di tutti i quartieri poveri di Brooklyn altri non è che l' Ailanthus altissima , albero  di origine asiatica naturalizzato anche in Italia. In effetti è un albero infestante che cresce in situazioni estreme ed è difficilissimo da eradicare. 





10 commenti:

  1. La vivacità di certi titoli non si estingue neanche a distanza di secoli **
    Confesso che all'inizio ho pensato: "ma è un malloppo?" (Vergogna sulla mia mucca -cit.) quindi le rassicurazioni successive sono servite a rassicurarmi ed a farmi incuriosire! :) come sempre proponi titoli interessanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, è un pregiudizio che ho avuto anch'io all'inizio, e che mi ha fatto rimandare la lettura di questo libro per tanti anni, nonostante le insistenze di alcuni miei amici che l'hanno adorato. Quindi ho messo bene in chiaro questa cosa, per non farvi fare il mio stesso errore!

      Elimina
  2. Io credo di aver dimenticato come si fa a leggere..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me sono periodi che passiamo tutte e tutti, Nyu.
      Poi passano.
      Spero... :))

      Elimina
  3. Appena comprato in ebook su amazon, stasera lo comincio!
    Eh sì, certe volte le recensioni funzionano :)
    Prevedo lacrime Yue... sbaglio? :D
    Abbraccione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lacrime poche, risate molte, sorrisi soddisfatti tanti! O almeno spero! :D

      Elimina
  4. Sono sfinito, stanotte ho dormito niente!
    Perché lo vengo a dire a te?
    Perché stanotte non riuscivo a staccarmi dal libro di Betty Smith! :)
    E' un libro pieno di calore e sì, anche di ironia e - come immaginavo - di una sottile malinconia.
    Adoro quel periodo e quella "location", è una specie di crogiolo, di "fondazione della cultura" americana che amiamo così tanto in Europa.
    Il modo di scrivere di Betty Smith è impagabile (ottima la traduzione) e i personaggi... pardòn: le Persone, sono irresistibili!
    Le atmosfere, rese stupendamente, mi hanno tanto ricordato certi racconti d'infanzia del mio disegnatore preferito (Jack Kirby! Chi altri?!?).
    Stra-mega-grazie per la segnalazione caro Yue! :)
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! Son proprio felice :D

      Elimina
  5. Certi libri non hanno età! ^__^ e poi penso che le edizioni Neri Pozza propongono sempre (o ri-propongono eheh) titoli molto interessanti,al di là della mia fissazione per i "loro" autori giapponesi.
    Anche il film mi piacerebbe vederlo ^__^
    Complimenti per la recensione :3

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...